Incidente stradale: come ricevo il risarcimento?

Ti sei mai chiesto come funziona il procedimento di un risarcimento danni da parte di una compagnia assicurativa nel momento in cui viene provocato un incidente stradale?

Se risulti vittima di un sinistro ricorda sempre che per il concorso di colpa è colui che lo ha provocato a dover coprire i danni. Questo implica che nel momento in cui la colpa viene dichiarata per entrambi i conducenti coinvolti, il risarcimento deve essere diviso equamente nella percentuale del 50%.

Ovviamente, del risarcimento si occupa la compagnia assicurativa. In particolare è possibile usufruire dell’indennizzo diretto, secondo il quale se non si è responsabili di un sinistro si può richiedere il risarcimento alla propria compagnia assicurativa che in un tempo limite di 60 o 90 giorni provvede a liquidare il sinistro rifacendosi alla compagnia del conducente che ha provocato i danni.

Per richiedere questo tipo di risarcimento è necessario che vengano rispettati alcuni requisiti.

  • L’incidente deve essere avvenuto in Italia
  • L’incidente non deve aver provocato lesioni gravi che superino il 9% di invalidità permanente o morte
  • Devono essere coinvolti un massimo di 2 veicoli e i conducenti devono risiedere in Italia
  • L’incidente deve essere stato provocato dal contatto dei veicoli, i quali devono essere a motore e assicurati in Italia

Se questi requisiti non possono essere rispettati si deve procedere con un risarcimento ordinario e rivolgersi direttamente alla compagnia assicurativa avversaria.

Le informazioni da fornire per il risarcimento di un sinistro sono:

  • danni causati
  • estremi del conducente che ha causato il sinistro
  • numero di targa
  • compagnia assicurativa
  • preventivo dei danni causati fornito dall’officina
  • documentazione medica (in caso di lesioni fisiche)
  • modulo di constatazione amichevole (ove presente)

Fondamentale è che l’auto rimanga a disposizione nell’eventualità in cui la compagnia dovesse chiamare un perito per quantificare i danni in modo autonomo.

Il valore del risarcimento viene stabilito in base ai danni sopravvenuti. La compagnia risarcisce:

  • danni di tipo patrimoniale o economico, che include le spese da sostenere a causa dell’incidente
  • danni di tipo biologico permanente, ossia le lesioni che vengono provocate
  • invalidità temporanea

Bisogna ricordare che vengono risarciti i danni provocati al mezzo e alle persone lese.

Quando parliamo del veicolo dobbiamo considerare un valore di risarcimento pari al limite assicurato, nel caso in cui il valore dei danni superi quello del veicolo stesso.

Come abbiamo accennato prima, i danni che subisce un mezzo vengono quantificati da un perito, che si basa principalmente sulle fatture relative alla riparazione del veicolo. Per i danni provocati a persone, nonostante la vittima debba presentare il certificato del pronto soccorso e più in generale di tutte le visite mediche relative al sinistro, la compagnia assicurativa incarica un fiduciario che provvede a verificare le lesioni subite.

 

 

Please follow and like us:
0
20
fb-share-icon20
Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *