Assicurazioni fantasma, consigli per evitare truffe

IVASS, l’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni, ha inviato una nuova segnalazione in merito al sito assicurazioniquixa.it, il quale è stato definito un falso e con nessuna relazione con l’azienda Quixa del gruppo Axa.

Questa è soltanto una delle tante assicurazioni abusive che si trovano in rete.
Infatti, queste finte compagnie intascano i premi assicurativi emettendo polizze senza alcun valore, mettendoci a rischio di multe salate e in problemi seri soprattutto in caso di sinistro stradale.

In ogni caso l’IVASS, in qualità di istituto addetto alla vigilanza nel settore assicurativo, si è messo subito a lavoro segnalando alle autorità competenti il sito in questione e chiedendone la chiusura.

Anche l’azienda Quixa ha voluto rendere noto pubblicamente di essere totalmente estranea all’attività del sito che ha sfruttato il nome della nota compagnia francese.
Attualmente il sito in questione risulta chiuso e si spera possa essere un avviso per i truffatori che rischiano sanzioni e cattura in seguita alle indagini dalla polizia postale.

Anche il sito stesso può essere un campanello d’allarme.

Infatti il sito oggetto dell’articolo era stato fatto in maniera molto veloce, senza badare ai dettagli e non vi era alcuna possibilità di fare preventivi online o acquistare sul sito stesso.
Spiega infatti Roberto Copia, il capo della divisione vigilanza intermediari IVASS, che questo sito era stato creato soltanto per raccogliere contatti per una futura truffa e che gli operatori potevano essere contattati solo tramite chat del sito stesso o Whatsapp, il che già risulta molto strano essendo una grande compagnia (quella vera).

Come spiegato sopra, queste polizze non avevano alcuna valenza ai fini di assolvere l’obbligo assicurativo, e quindi il contraente truffato può subire la multa da parte delle forze dell’ordine oltre che al possibile sequestro del veicolo con conseguente ritiro della patente.
Nonostante venga fatta denuncia, è quasi impossibile riuscire a riottenere i soldi da parte del truffatore ed è per questo motivo che abbiamo deciso di scrivere quest’articolo, così che i nostri lettori possano essere informati e prestare attenzione ai siti sospetti.

Ma cosa possiamo fare per non essere truffati?

Si raccomanda innanzitutto di verificare, prima della sottoscrizione di un contratto, che la polizza emessa sia effettivamente intestata ad una società o intermediario autorizzato.
Come? Potete consultare l’elenco completo delle aziende abilitate o abusive sul sito dell’IVASS appena linkato.

L’IVASS consiglia di stare attenti anche al tipo di pagamento e verificare se quel conto è realmente intestato alla società con la quale si intende stipulare il contratto.
Si ricorda inoltre che tutte le aziende presenti in rete devono sempre indicare i dati anagrafici quali sede, fax, telefono ed email oltre che al relativo numero e data di iscrizione al registro unico degli intermediari.

Secondo i dati dell’IVASS, nel 2018 ogni tre giorni circa è stato scoperto o segnalato un sito di assicurazioni abusivo, che di conseguenza viene segnalato anche alle autorità competenti per la rimozione.

Quindi cari lettori, bisogna stare attenti a questi siti truffa.

Qualora ci siano degli atteggiamenti ambigui da parte degli operatori assicurativi o il sito stesso vi da preoccupazioni, vi consigliamo sempre di contattare l’autorità di vigilanza o l’IVASS attraverso il numero verde 800 486 661.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *